27/03/2005

'A.A.A. cercasi disperatamente

Chi l'ha vista? Un quesito che nasce inevitabilmente dalle labbra davanti al manifestarsi di una scena così "innaturale”: immaginate un palazzotto di due piani... immaginate di entrare e di dirigervi al piano superiore..; immaginate, poi, di attraversare una porta e  di osservare attentamente l'interno della stanza: una grande finestra che da su un balcone, dalla quale la luce solare irrompe avvolgendo ogni cosa, delle scaffalature, una scrivania con un terminale acceso e varie scartoffie...; continuate la vostra perlustrazione visiva e vi accorgete che ai piedi della scrivania vi è una stufa elettrica accesa, il computer sulla scrivania è acceso, il telefono squilla ininterrottamente…; la scena sembra completa! Eppure manca qualcosa. Chi usa tutto ciò? II protagonista della vicenda è  latitante... Panico! Disincanto!  La favola termina cosi…

MORALE: Quell' edificio é la “Casa Comunale”, quella stanza è l'ufficio della segretaria del sindaco, il protagonista, ahimé. è la stessa segretaria, o meglio la sua “assenza”, Chi l'ha vista? Dove è finita? Quando ci si reca al Comune per chiedere, umilmente e senza fretta, di poter interloquire con il Sindaco, premetto non per interesse proprio ma per interesse della collettività, capita spesso di assistere a questo scenario: sindaco e segretaria latitanti! La mancanza del sindaco può essere anche giustificata, ma quella della sua segretaria è inammissibile. Può essere ancora tollerabile una mancanza così elevata di efficienza? Quella signora in quanto dipendente comunale, viene pagata da noi per stare lì e darci informazioni, viene pagata per ricevere segnalazioni, rispondere al telefono, fissare appuntamenti. Per quale ragione, allora, non è al suo posto? Perché non sente la responsabilità del proprio ruolo? A questo punto un dubbio mi assale: se nella nostra “Casa Comunale” giace indisturbata l’inciviltà più becera. l'inefficienza più grave... come si può pretendere dì non trovarla per le strade del paese?

Francesco Cavezza

 

Vai a pagina precedente